Settembre, “Grattacieli di Basilico” è il disco d’esordio: delicata dolcezza

Il 25 settembre 2020 è uscito “Grattacieli di Basilico”, il disco d’esordio della band i Settembre. E’ sempre più difficile trovare musica valida e di qualità, ma “Grattacieli di Basilico” passa il test e ci conquista al primo ascolto.

settembre grattacieli di basilico

Settembre – Grattacieli di Basilico

“Grattacieli di Basilico” non sembra affatto un primo disco. Melodia e voce si abbracciano creando un’armonia perfetta. I Settembre riprendono il sound della bossa nova e del jazz trasformandolo in qualcosa di più pop e adatto a tutti. Questo non vuole essere un commento dispregiativo, tutt’altro! I Settembre dal punto di vista tecnico sono estremamente bravi e professionali, così tanto da prendere il classico pop e trasformarlo in qualcosa di adatto sia alla classe elitaria che a quella più commerciale.

“Grattacieli di Basilico” è una dedica alla vita, a Londra, Roma e Teggiano. Un viaggio musicale alla scoperta di quegli spazi – reali o immaginari – che custodiscono la nostra intimità. Si parte dall’amore e si arriva all’amore, perché, qualsiasi cosa succeda, “basta uno sguardo per sentirsi bene”.

Questo disco trasuda dolcezza e delicatezza. Ascoltarlo è estremamente piacevole e rilassante. Ci si lascia cullare dalla voce di Angela Cicchetti come se ci trovasse su un’amaca all’ombra di un albero.

Tra i brani che ci hanno più colpito troviamo “Luna e Luca” e “Grattacieli di Basilico”, che suona un po’ come il manifesto della band.

I Settembre parlano del loro disco.

Già nella prima traccia, Teggiano, sono presenti i nostril caratteri distintivi. Melodie ricche e complesse che ricordano i grandi della bossa nova e del jazz pur volendo rimanere squisitamente pop e un linguaggio diretto e poetico. Le atmosfere vengono definite da suoni lontani e riverberati, dall’ un uso massiccio di chitarre classiche, chitarre lapsteel hawaiane, synth e orchestrazioni.

Ci siamo aperti a nuove soluzioni sonore, come in Due Come Noi, dove i versi culminano in un lungo assolo di lapsteel che ricorda i Pink Floyd o, nel gran finale dell’album con Le Tue Camicie – una canzone scritta per il papà di Angela, scomparso in giovane età e anche lui musicista – dove ci siamo lasciati andare a un’estasi sonora che sfocia nella psichedelía”.

Web e Social
www.isettembre.com
www.facebook.com/isettembre
www.instagram.com/isettembre

Leggi anche –> Come nasce un album: la scelta della tracklist

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes