Le pagelle di AlEmy: Saimon Fedeli VS Marco Gesualdi

Cari appassionati di musica questa, vi anticipo già, sarà una settimana ricca di novità musicali! Infatti anche oggi analizzeremo due brani di due artisti emergenti: “Capita Capita” di Saimon Fedeli e “Scetate” di Marco Gesualdi, Rossella Rizzaro, Simona Boo.

“CAPITA CAPITA” di Saimon Fedeli

Una spinta ad ammettere che non siamo perfetti, che gli errori capitano e la cosa migliore è accettarli. “Capita capita” è il momento in cui non si ha più niente da perdere. Una canzone che ti prende e ti porta via. Una di quelle che ascolti a tutto volume all’inizio di un lungo viaggio. Ti viene un po’ da ridere, un po’ da ballare scomposto e un po’ da vivere forte.

Ci sono voluti 45 anni e 10 minuti per scrivere un pezzo cosi e perdonarsi tutti gli sbagli”, racconta Saimon Fedeli.

Il nuovo brano del cantautore è frizzante, ballabile e anche un’ancora di salvezza per tutti coloro che continuano a tormentarsi. “Capita capita” richiama al perdono in un sound pop con influenze elettroniche e di bossa nova. Con un assolo di fiati finale che nessuno osa più, e che invece è esattamente quello che ci vuole quando decidiamo che basta così. E tutto improvvisamente ricomincia a girare.

“SCETATE” di Marco Gesualdi,

Rossella Rizzaro, Simona Boo

Tre artisti diversi in grado di unire le proprie peculiarità per creare di qualcosa di assolutamente originale. “Scetate” è un brano riflessivo in un sound gipsy jazz molto accattivante. Un genere che forse non è mainstream, ma che sa farsi amare.

“Scetate” è un invito ad aprire gli occhi e a riprendersi la propria vita. La rivoluzione inizia da noi stessi e Marco Gesualdi ci invita a prenderne coscienza con il suo nuovo brano.

“Il brano nasce da un’idea venuta fuori durante il lockdown. Ho avuto tempo per riflettere e mettermi un po’ in discussione. Scetate vuol dire Svegliati o meglio Risvegliati e invita a fare nella vita scelte autentiche. Credo che ognuno di noi possa fare una piccola rivoluzione partendo dall’ascolto del proprio sè. Il testo in spagnolo per il suono, è stato scritto in collaborazione con Alessandro Pacella. La parte in Napoletano, volutamente indolente e a contrasto, con Simona Boo. Le melodie del canto le ho sviluppate insieme a Rossella Rizzaro”, così Marco Gesualdi descrive il proprio brano.

LE PAGELLE E I VOTI

SOUND e COMUNICAZIONE:

Inizio col dirvi che entrambi i brani hanno delle caratteristiche originali che li contraddistinguono e che li rendono unici“Capita capita” di Saimon Fedeli è caratterizzata da un ritmo “leggero” e coinvolgente che cela riflessioni di vita molto profonde. Invece “Scetate” di Marco Gesualdi con la sua cadenza ti trasporta istantaneamente in un altro mondo più spagnoleggiante, e anch’esso comunica a suo modo tematiche importanti.

Per mio gusto personale preferisco il contrasto fra il testo “serio” e il sound più “leggero e ballerino” di “Capita capita”, ma devo ammettere anche che il suono ricercato di “Scetate” ha dato vita ad un singolo particolarmente accattivante e diverso dal solito!

“Capita capita” : Sound 7.5; Comunicazione 8

“Scetate” : Sound 7; Comunicazione 7

VOTI FINALI:

“Capita Capita”: 7.5

“Scetate”: 7

Alla prossima pagella!

AlEmy

 

Saimon Fedeli SOCIALS:     Facebook   –   Instagram   –   Spotify   –   YouTube

Marco Gesualdi SOCIALS:    Facebook   –   Instagram   –   Spotify   –   YouTube

 

Leggi anche -> Le pagelle di AlEmy: Simone Galassi VS Cortellino

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes